Categoria: archivio

A Foggia arriva il “Parco città” di Saverio Russo

A Foggia arriva il “Parco città” di Saverio Russo

Il progetto relativo a Parco Città costituisce una delle più significative e positive novità di una fase della storia della città di Foggia, segnata, purtroppo, da non pochi elementi di degrado e di difficile tenuta del tessuto civile.
Si tratta di un pezzo significativo di un parco urbano (san Felice), realizzato negli anni Ottanta, in una zona nodale, tra quartieri disagiati, centro storico in abbandono e residenze di piccola borghesia impiegatizia. A cavallo del secolo, all’interno del parco il Comune realizzò un anfiteatro da 300 posti ed una “stecca” con una costruzione bassa a ferro di cavallo per servizi e piccoli spazi di ritrovo, compresa una sala di registrazione. Poco dopo la consegna, nel 2003, la struttura fu abbandonata e rapidamente vandalizzata, divenendo ben presto un luogo di spaccio.
Quattro anni fa, un’ATS, composta dall’associazione di promozione sociale “Energiovane”, dall’associazione di volontariato “L’aquilone”, dalla Fondazione “Apulia felix” e dalla cooperativa “Monti dauni Multi service”, presenta un progetto ad un bando della Presidenza del Consiglio- dipartimento politiche giovanili, con cui riesce ad ottenere, previo comodato concesso da un’amministrazione di Centro-sinistra, un contributo di 200 mila euro per il ripristino delle strutture e qualche attività. La somma viene integrata da un finanziamento di 25 mila euro della Fondazione Banca del Monte (ora dei Monti uniti), di cui chi scrive era allora presidente. La Fondazione ha poi promosso, attraverso un’operazione di crowdfunding sociale cui ha partecipato in misura significativa, la predisposizione dell’illuminazione di pubblico servizio e per gli spettacoli nell’anfiteatro del Parco.

Chi scrive, inoltre, ha partecipato, come privato cittadino, all’associazione Amici di Parco Città e si adopera per attivare sponsorizzazioni perché ritiene che la costruzione della Comunità, nel nostro difficile Mezzogiorno, abbia bisogno di atti concreti e di una condivisione reale, non solo di auspici e di sollecitazioni ai pubblici poteri perché provvedano.
La difesa di questo luogo di aggregazione intergenerazionale ha bisogno di tanti volontari che impediscano il ritorno dell’abbandono e del degrado. L’esperienza del primo anno di attività, con le tante iniziative realizzate, le migliaia di persone di ogni età coinvolte – giovani e meno giovani – lascia ben sperare. Ora è necessario non spegnere mai la luce su quest’esperienza, adoperarsi perché possa continuare nel tempo (fra tre anni scade il comodato dell’area da parte del Comune, che tre anni fa ha cambiato maggioranza), far sì che sia sentita da tutti i foggiani come un patrimonio irrinunciabile.

 

Saverio Russo

Consentia e le sue forme di A. Battista Sangineto

Consentia e le sue forme di A. Battista Sangineto

 Le città, soprattutto quelle italiane, sono diverse le une dalle altre perché hanno forme urbane, avvenimenti storici, stili e materiali architettonici e paesaggi nei quali si incastonano molto differenti fra loro. Ogni città è il risultato unico ed irripetibile di una enorme quantità di variabili storiche, sociali, religiose ed economiche.

Read More Read More